TOM PRICE CHAIRS





Buongiorno!
Facilmente intuibile, oggi vi parlo di queste sedute firmate dal design Londinese Tom Price.
La sua visione lo porta ad esplorare la tematica dei materiali e del loro comportamento. I suoi metodi di produzione sono davvero inconsueti; Tutto è iniziato, come ha affermato lo stesso, pensando alla bruciatura alla fine di una corda per evitare lo sfilacciamento. Nel video che vi ho riportato qui sopra potete osservare le varie fasi di produzione dei suoi lavori. Emblematica è la Meltdown Chair (Azzurra sopra), nata dall'avvolgimento della corda intorno ad un pallone da spiaggia e successivamente posizionata su di uno stampo convesso riscaldato, che dopo qualche minuto crea il sedile! La sua formazione sia in scultura che in design è chiara.
Ha partecipato con le sue opere ad importanti collezioni e musei di tutto il mondo:  San Francisco MOMA, Denver Art Museum, il Museo Nelson-Atkins of Art, al MKG Amburgo, e Amore Pacific Museum of Art di Seoul. 
Cosa ne pensate? A parer mio è sensazionale!

Good Morning!
Easy to understand, today I speak of these chairs designed by the London designer Tom Price. His vision led him to explore the topic of materials and their behavior. Its production methods are really unusual, it all started, as he himself said, thinking of the burning at the end of a rope to prevent fraying. In the video that I report above you can see the various stages of production of its works.
Emblematic is the Meltdown Chair (the blue above), created by the winding rope around a beach ball and then placed on a mold heated convex, that after a few minutes creates the seat! His training both in sculpture and in design is clear.
He participated with his works in important collections and museums around the world, including San Francisco Museum Of Modern Art, Denver Art Museum, the Nelson-Atkins Museum of Art, the MKG Hamburg, and Amore Pacific Museum of Art in Seoul.
What do you all think? In my opinion it is sensational!


0 commenti:

Posta un commento

 


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. I contenuti dei post sono il frutto della libera manifestazione del mio pensiero, mentre quanto scritto nei commenti è di responsabilità dei rispettivi autori. Le fotografie e le immagini pubblicate sono di proprietà dell'autore o tratte da internet e valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse i diritti d’autore, si prega di contattarmi affinché provveda a rimuoverle.

Facebook

Instagram